lunedì 23 novembre 2015

Natale in Abruzzo - Lu cardone




Il fumo si incanala su per le narici e il sapore che porta è quello del Natale. 
Il profumo si gusta già con gli occhi, annebbiati dal calore che tira su quel colore delle feste.

La foto che ho nella testa è quella di un piatto colmo, grondante di bontà.
Da piccola, lo rammento, quella scena si viveva sulla tavola apparecchiata a festa, con le sedie intorno che non bastavano mai.

Sulla zona riservata ai grandi, la zuppiera era più preziosa, quella del servizio.
Nella parte preparata per noi bambini, quella minestra era contenuta nel vaccilette di tutti i giorni, la scodella poco importante di cui nessuno avrebbe pianto l'eventuale dipartita, in seguito ad accidentale caduta.
A noi piccoli non importava: quel che interessava era il "di dentro": buono, saporito, colorato.

Un brodo pesante da alternare alla pastasciutta della festa. Questo, per gli abruzzesi è lu cardone.

Non c'è Natale che ricordi in cui sul desco di famiglia non sia comparsa lei, la regina: la zuppa di cardo.

Al cardone, come del resto a tutte le pietanze natalizie, si inizia a pensare per tempo. Al mercato, alcuni giorni prima, bisogna scegliere il cardo migliore. 

In macelleria occorre acquistare il macinato per preparare le polpettine, il pollo e la carne per il bollito.

Vi lascio qui la ricetta, senza indicare con precisione il peso degli ingredienti. Come spesso ho detto (anche in Riprendiamoci il Natale) le autentiche massaie d'Abruzzo, come asserisce mia madre, non pesano, non misurano. 

Fanno ad occhio!

Ingredienti


Cardo 

Brodo da realizzare con vari tipi di carne: pollo, vitello, tacchino e con verdure (cipolla, carota, sedano, pomodorini)
Carne macinata e mollica per preparare piccole polpettine (300/400 grammi di carne per 4 persone)
Parmigiano
3 uova 
Sale
Pepe
Noce moscata

Preparazione

Formate piccolissime polpettine con la carne macinata, sale, mollica di pane. Io preferisco fare questo lavoro il giorno prima.
Preparate il brodo, facendo bollire, come di consueto, carne e verdure.
Pulite il cardo, togliendo la parte dura e filamentosa, e tagliatelo a dadini piccoli. Lessateli e quindi scolateli.
Mescolate, sbattendo, 2 uova in un tegamino, aggiungendo sale, pepe e noce moscata. 
Prendete alcuni pezzi di carne di pollo con cui avete realizzato il brodo e impegnatevi a"sfilacciarli", facendoli diventare piccoli pezzettini dalla forma allungata.
Quando il brodo sarà pronto, dovrete filtrarlo e metterlo in una pentola capiente. Aggiungete le polpettine, il cardo, le uova e i pezzetti di carne di pollo.
Servite con abbondante parmigiano nel piatto.

In Abruzzo sono nata e qui vivo.
È per questo che ho scritto e scriverò d'Abruzzo.



Riprendiamoci il Natale: racconti sul Natale abruzzese degli anni '80











Nero di memoria: l'Abruzzo ai tempi della seconda guerra mondiale.
La storia d'amore di Tonino e Filomena.










Concetta D'Orazio