lunedì 13 aprile 2015

Riflessioni a tempo - La firma

In silenzio ti guardo, mentre firmi la tua dignità viziata, con la stessa penna che hai usato per ferirmi.
Tu scrivi. Io non ti fermo.
Te la scrivi e te la canti.